REGISTRATI    

CONTRIBUTO DI ISCRIZIONE ELENCO DEI REVISORI DEGLI ENTI LOCALI

I professionisti che risultano iscritti nell'Elenco dei revisori dei conti degli Enti locali, di cui al decreto 15 febbraio 2012, n. 23, sono tenuti -  entro il 30 aprile 2021 - al pagamento del contributo annuo pari a 25,00 euro, mediante versamento su un apposito conto corrente postale.


Ricordiamo che detto contributo, dovuto a copertura delle spese sostenute dal Ministero dell'Interno per le procedure telematiche per la raccolta, elaborazione e gestione dei dati richiesti e per iniziative di formazione a distanza, è stato previsto dall'articolo 4-bis, comma 2, del decreto legge 20 giugno 2012, n. 79, convertito con modificazioni dalla legge 7 agosto 2012, n. 131.
I termini e le modalità di pagamento sono stati successivamente determinati con il decreto del Ministro dell'Interno del 23 giugno 2013.

Il versamento del contributo annuo di euro 25,00 dovrà essere effettuato al conto corrente postale n. 1013096209 (IBAN: IT60 C076 0114 5000 0101 3096 209), intestato a "Tesoreria Viterbo - Ministero Interno, art. 4-bis DL 79/2012".
Nella causale del versamento si dovrà indicare: "Contributo dei revisori dei conti degli enti locali, anno 2021-  aggiungendo anche il codice fiscale dell'iscritto".


Una volta effettuato il versamento entro la data prevista, ciascun iscritto dovrà accedere con le proprie credenziali alla pagina dedicata del sito del Ministero dell'Interno per comunicare le coordinate del proprio versamento entro il termine previsto per l’effettuazione dello stesso.

Il Ministero verificherà la corrispondenza dei dati inseriti con la documentazione contabile inoltrata dal competente Centro di Poste al fine dei conseguenti eventuali provvedimenti.
Si ricorda che il contributo in questione è dovuto a prescindere dalla circostanza che il revisore svolga effettivamente il ruolo di revisore presso un ente locale.


I versamenti erroneamente effettuati sul predetto conto corrente negli anni precedenti e non dovuti (soggetti non iscritti o doppio versamento) sono considerati validi per l'anno 2021 e, quindi, dovranno essere inseriti i relativi estremi secondo le modalità sopraindicate.